Home page

 
  Time in Jazz 2014  
  Time in Jazz 2013  
  Time in Jazz 2012  
  Time in Jazz 2011  
  Time in Jazz 2010  
  Time in Jazz 2009  
 
01. Il calendario
02. Il programma
03. Paolo Fresu: Time in Jazz 2009, “Acqua”
04. Il patrocinio dell’UNESCO
05. Cinema d’Acqua
06. Green Jazz
07. Progetti Speciali
08. in-Flussi d’acqua - laboratorio di danza
09. I Partner di Time in Jazz
10. Biglietti e abbonamenti
11. Numeri Utili
12. Tabloid
 
  Time in Jazz 2008  
  Time in Jazz 2007  
  Time in Jazz 2006  
  Time in Jazz 2005  
  Time in Jazz 2004  
  Time in Jazz 2003  
  Time in Jazz 2002  
  Time in Jazz 2001  
  Time in Jazz 2000  
  Time in Jazz 1999  
  Time in Jazz 1998  
  Time in Jazz 1997  
  Time in Jazz 1996  
  Time in Jazz 1995  
  Time in Jazz 1994  
  Time in Jazz 1993  
  Time in Jazz 1992  
  Time in Jazz 1991  
  Time in Jazz 1990  
  Time in Jazz 1989  
  Time in Jazz 1988  
 
 
 
 
   
05. Cinema d’Acqua  

Cinema d’Acqua
Rassegna di film a cura di Gianfranco Cabiddu *

«La forza del film risiede nelle sue immagini». Questa semplice verità assume un carattere definitivo nella visione di questa selezione di film documentari che sono orgoglioso di presentare al pubblico del Festival Time in Jazz a Berchidda. Non si tratta di film “estetici” o “consolatori”, ma di veri film d’azione, dove per azione s’intende l’impegno di alcune tra le tante organizzazioni umanitarie che lavorano sui problemi dell’umanità e dello sviluppo del sud del mondo. Nella rassegna si incontreranno immagini provenienti da tutto il mondo che con poesia, rabbia e emozione, aprono una finestra sul significato profondo della parola Acqua nel mondo. Sono momenti di emozione suscitati dalla vita di persone reali e dal “senso” dell’acqua, dal suo bisogno e funzione come bene essenziale e bene primordiale in tutto il mondo. Rispondono ad un senso di profonda urgenza oggi che il mondo affronta una crisi idrica di proporzioni sbalorditive. Oggi una persona su cinque in questo pianeta non ha accesso costante ad acqua pulita per le necessità quotidiane come bere, lavarsi, pescare e cucinare e questo numero sta continuamente aumentando. Raccontando questo dramma ed emergenza è possibile anche fare poesia e toccare i cuori: le storie, le inquadrature, il ritmo e l’uso della musica, nei tanti lavori presenti ne sono la dimostrazione.
Un modo per dare voce dal palcoscenico di Time in Jazz al lavoro prezioso e spesso poco noto di queste organizzazioni e alla presa di coscienza e sensibilizzazione verso un problema vasto e sensibile.
La rassegna sarà preceduta in apertura dalla presentazione del film Time in Jazz E 20 girato nell’edizione 2007, ed ora finalmente disponibile in DVD, che racconta i nostri venti anni di Festival racchiusi in una storia musicale unica ed originale.
Come unica e originale è l’approccio interdisciplinare al tema di quest’anno: con l’ACQUA il Festival infatti inizia un progetto quadriennale sui quattro elementi (acqua, fuoco, terra, aria) con l’intento di riflettere, declinando in più discipline, l’arte, il cinema e la musica, per una presa di coscienza responsabile verso l’uomo e il suo ambiente, secondo la vocazione di Time in Jazz: condividere un’esperienza unica immersi nella natura che ci circonda, un Festival “eco-sostenibile” in sintonia tra artisti e pubblico, nel rispetto dell’ambiente.

Gianfranco Cabiddu

* rassegna realizzata con la collaborazione di COSPE, AMREF, ACTION AID, CeVi, University of Miami, Officina Latina, W.A.T.E.R.


Cinema d’Acqua
Rassegna di film a cura di Gianfranco Cabiddu *

Berchidda, Nuovo Cinema comunale
11 > 15 agosto – Ore 16.00


Martedì 11 agosto
Time in Jazz, E 20
di Gianfranco Cabiddu e Ferdinando Vicentini Orgnani, Italia 2008, 104’

Prod. Alba Produzioni, Millennium Storm &Time in Jazz
 Venti anni racchiusi in una storia musicale unica ed originale. Time in Jazz è il festival internazionale di jazz ideato e pensato da Paolo Fresu nella sua Berchidda, piccolo centro della Sardegna, dove creatività, luoghi straordinari ed umanità si incontrano permeando i bianchi graniti ed i rigogliosi vigneti. L’emozione dei 20 anni è qui raccontata dal suo ideatore attraverso il lungo concerto delle “Fresiadi” e grazie alla presenza di molti degli artisti che vi hanno partecipato. Legando la musica all’arte visiva e la parola al suono il racconto diventa così emozione.

Mercoledì 12 agosto
Chiara come l’acqua
di Sebastiano Tecchio, Italia 2008, 30’

Produzione Action Aid
Molti anni fa in un villaggio indiano, per procurarsi l'acqua, le donne del villaggio andavano ogni giorno al fiume più vicino, camminando per oltre un'ora. ActionAid scoprì una falda acquifera vicino al villaggio e scavò un pozzo che, però, non venne mai usato. Fu chiesto alle donne:"perché continuate ad andare sino al fiume, ora che avete il pozzo a pochi passi da casa?"
"Quell'ora passata a camminare - risposero - è l'unico momento della giornata in cui riusciamo a stare insieme. Parlare tra noi donne è il nostro bisogno più forte." ActionAid capì, allora, che se davvero voleva aiutare i poveri, doveva imparare prima di tutto ad ascoltarli.
"Chiara come l'acqua", girato in Bangladesh, mostra la relazione che l'organizzazione instaura con le comunità del Sud del mondo e, di riflesso, con tutti i suoi interlocutori.

 

Water in Kajiado, Millennium News
di Angelo Loy e i ragazzi di “Children in need”, Italia/Kenia 2009, 13’
Progetto di Giulio Cederna, Angelo Loy, John Mairuri, Renata Torrente

Prod.AMREF
Dalla serie di otto telegiornali dedicati agli otto obiettivi del Millennio delle Nazioni Unite, pensati scritti e condotti da 80 ragazzi e ragazze provenienti dalle baraccopoli di Nairobi. I giovani protagonisti prendono spunto dai traguardi fissati dalle NU per raccontare la lotta alla povertà dal punto di vista di chi realmente la vive e la conosce. Ogni episodio è un vero telegiornale, con tanto di sigla, uno studio allestito nelle baraccopoli e originali servizi “esterni” dedicati ai temi della salute, istruzione, e accesso all’acqua.

Karibù
Italia/Kenia 30’

Prod. AMREF
Documentario sul lavoro dei Flying doctors e sul lavoro di AMREF in Africa, con un capitolo dedicato all’Acqua, la costruzione dei pozzi e la collaborazione delle popolazioni locali.

 

Giovedì 13 agosto
Ritratto di Altinè nella stagione secca
di Elisa Mereghetti e Marco Mensa, Italia 1999, 25’

Produzione Cospe
Altinè è una donna Peul che vive in un villaggio nel Deserto del Sahel. Altinè è la depositaria di valori, cultura e conoscenza dell'adattamento umano al difficile contesto ambientale. Sa come gestire la poca acqua per cucinare, lavarsi e provvedere ai bisogni della famiglia, oltre a praticare quel poco di agricoltura possibile. Il documentario ritrae la sua vita quotidiana durante la stagione secca, seguendo il naturale senso del tempo.
“Il pozzo è anche un luogo d’incontro, il centro attorno al quale ruota la vita di vari villaggi”

La Carovana dell’Acqua
AAVV, Italia 2008, 36’ 

Produzione Officina Latina, in coproduzione con CeVI, Alla carovana dall’acqua in America centrale e W.A.T.E.R.
“L’acqua è libertà, è vita, è l’oro del XXI secolo. Ma quest’oro, azzurro e trasparente, a molti viene sottratto. 2, 6 miliardi di persone non hanno accesso ai servizi sanitari e 5000 bambini con meno di 6 anni muoiono ogni giorno per l’assenza o la cattiva qualità dell’acqua”.
Il documentario racconta il lungo viaggio della “Carovana dell’Acqua”, un’iniziativa che ha messo insieme rappresentanti politici, di movimenti sociali e di Ong italiane e latino americane e che nel novembre del 2008 hanno percorso le strade del Centro America per conoscere meglio la situazione di Nicaragua, Honduras, Guatemala e El Salvador; e per  portare un sostegno alle comunità locali nella lotta al concetto di acqua come merce.

Venerdì 14 agosto
Una goccia tira l’altra

di Elisa Mereghetti, Italia 2007, 25’

Prodotto da Cospe, in collaborazione con Ce.V.I. e Contratto Mondiale sull'Acqua, nell’ambito del progetto “Acqua: bene comune dell'umanità diritto di tutti”, campagna internazionale di educazione e sensibilizzazione per il diritto all'acqua.
L’acqua diritto universale o bene di lusso? Nel documentario di Elisa Mereghetti si mostra bene quale la responsabilità individuale e collettiva per la gestione delle risorse idriche, non dimenticando che l’acqua risparmiata nel Nord del mondo può diventare elemento di sviluppo per i paesi del Sud. “Ogni giorno nel mondo 24.000 persone, in prevalenza donne e bambini, muoiono per il mancato accesso all’acqua potabile. In Italia il consumo pro-capite di acqua è di 200-220 litri al giorno”.

 

Le acque di Nashipur
di Paolo Silvestri, Italia 2007, 9’

Un’alta percentuale di fluoro nell’acqua proveniente dalle pompe a mano costruite dal Governo Indiano 20 anni fa ha contaminato un intero villaggio a 200 km a nord di Calcutta in India. A Nashipur tutti sono affetti dalla florosi, una malattia che colpisce le ossa e le paralizza. La mancanza di corrente elettrica blocca l’afflusso di acqua buona e quindi la gente è costretta a bere ancora oggi l’acqua infetta delle pompe. Guidati da un giornalista ascoltiamo le testimonianze della gente di Nashipur scoprendo il dramma di questa rara malattia.

 

Be water my friend
di Antonio Martino, Italia 2009, 24'

Dalla giovialità dei pescatori delle valli ravennati alla disperazione e rassegnazione degli ex pescatori di Muynaq, piccola cittadina vicina al lago di Aral (Uzbekistan). Acqua come gioia di vivere e fonte di rigenesi continua, perdita d'acqua come perdita di identità e di equilibri economici e sociali, frattura esistenziale, alterazione di un’ecosistema che è specchio di una comunità. Proprio come la struttura del film, che riflette e mette a confronto due comunità di pescatori allo stesso modo in cui la superficie dell’acqua replica immagini e flussi di azioni.

 

Sabato 15 agosto
One Water

di Sanjeev Chatterjee & Ali Habashi, USA, 2008, 67'

Produzione University of Miami
One Water, filmato in quindici nazioni per un totale di cinque anni di lavorazione, porta sullo schermo la magia del rapporto tra l’uomo e l’acqua, fonte di vita e di purificazione spirituale nelle più diverse religioni, a volte motivo di contagio e di morte, troppo spesso nelle mani di pochi. Dall’India all’Ungheria, dagli Stati Uniti al Kenya, i registi raccontano tante storie diverse con l’acqua come protagonista, sollevando un inquietante interrogativo: cosa stiamo facendo perché questo bene arrivi anche alle generazioni future? Da segnalare interventi di esperti e personalità come il Dalai Lama, Vandana Shiva e Robert F. Kennedy e la colonna sonora eseguita dalla Russian National Orchestra.