Home page

 
  Time in Jazz 2014  
  Time in Jazz 2013  
  Time in Jazz 2012  
  Time in Jazz 2011  
 
01. Il calendario
02. Il programma
03. Paolo Fresu "Terra"
04. Il Respiro della Terra - Rassegna di Cinema
05. Green Jazz
06. Bookshop e Media Partnership
07. Time Out
08. Lo spazio danza
09. Le istituzioni che sostengono Time in Jazz
10. Gli sponsor di Time in Jazz
11. I partner di Time in Jazz
12. Biglietti e abbonamenti
13. Tabloid
 
  Time in Jazz 2010  
  Time in Jazz 2009  
  Time in Jazz 2008  
  Time in Jazz 2007  
  Time in Jazz 2006  
  Time in Jazz 2005  
  Time in Jazz 2004  
  Time in Jazz 2003  
  Time in Jazz 2002  
  Time in Jazz 2001  
  Time in Jazz 2000  
  Time in Jazz 1999  
  Time in Jazz 1998  
  Time in Jazz 1997  
  Time in Jazz 1996  
  Time in Jazz 1995  
  Time in Jazz 1994  
  Time in Jazz 1993  
  Time in Jazz 1992  
  Time in Jazz 1991  
  Time in Jazz 1990  
  Time in Jazz 1989  
  Time in Jazz 1988  
 
 
 
 
   
12-08-2011, Javier Girotto e Luciano Biondini  

 

Mercoledì 10 agosto
Berchidda, Laghetto Nunzia – ore 09.00
Luciano Biondini fisarmonica solo

Venerdì 12 agosto
Olbia, Basilica di San Simplicio – ore 11.00
Luciano Biondini & Javier Girotto “Terra Madre”

Venerdì 12 agosto
Mores, Chiesa di Santa Lucia - ore 18.00
Terre di Mezzo

Sabato 13 agosto
Telti, Chiesa di San Bachisio – ore 18.00
Javier Girotto sax solo

Giovedi 18 agosto
Sassari, Piazza Santa Caterina - ore 21.30
Cordoba Reunión

Fra tango e jazz con Luciano Biondini e Javier Girotto

Jazz e tradizioni musicali argentine si incontrano e si stringono in un abbraccio vigoroso, come in un tango impetuoso e improvviso, in questo duo di scena la mattina di venerdì 12 (alle 11) nella Basilica di San Simplicio a Olbia. E' un sodalizio artistico, quello di Javier Girotto e Luciano Biondini, che conta undici anni di attività e due album: il secondo, “Terra madre” (del 2005), presta il titolo al loro concerto e testimonia bene la poetica del duo: musica che prende spunto dall’Argentina e dalla musica mediterranea, terreno di ricerca per un discorso lirico e coinvolgente che supera i confini del jazz.
Intesa ed energia sono le componenti fondamentali delle loro performance: i due propongono una musica originale, stendendo nuovi ponti tra jazz e tango, libera improvvisazione e scrittura, un universo musicale raffinato e malinconico che sa parlare al cuore come alla testa.
Luciano Biondini, uno dei più apprezzati fisarmonicisti sulla scena nazionale, arriverà all'appuntamento con Javier Girotto reduce dall'esibizione solitaria del 10 mattina, alle 9, al Laghetto Nunzia, nella foresta demaniale del Monte Limbara sud, sopra Berchidda. E lo ritroveremo ancora venerdì 12,  ma nel pomeriggio (ore 18), a Mores, nella chiesa di Santa Lucia, stavolta nei ranghi del quartetto Terre di Mezzo.
Umbro di Spoleto, classe 1971, Luciano Biondini inizia a studiare la fisarmonica all’età di dieci anni. Dopo una formazione orientata verso studi classici con numerosi riconoscimenti nazionali e internazionali, si avvicina al jazz nel 1994 dopo aver conosciuto il chitarrista Walter Ferrero. Nel suo bagaglio di esperienze, tante collaborazioni importanti con musicisti come Tony Scott, Enrico Rava, Gabriele Mirabassi, Michel Godard, Patrick Vaillant, Rabih Abou-Khalil, sia in concerto che in studio di registrazione.
Anche Javier Girotto è atteso da più di un impegno al Time in Jazz: sabato 13 un sax solo a Telti, nella chiesa di San Bachisio (ore 18); giovedì 18, invece, a Sassari, in piazza Santa Caterina, con il quartetto tutto argentino Cordoba Reunion, per l'ultimo concerto di Time in Sassari.
E' appunto a Cordoba che Javier Girotto è nato nel 1965 da una famiglia di origine pugliese. Ed è in Italia che si trasferisce, venticinquenne, dopo quattro anni di studi al Berklee College of Music che gli spalancano le  porte  del  mondo  del  jazz.  Incide il suo primo cd, “Homenaje”, nel 1995 con Bob Mintzer e Randy Brecker come special guest.   In questo stesso periodo nasce il gruppo per il quale i sax soprano e baritono di Girotto sono maggiormente conosciuti, il quartetto Aires Tango, con cui inciderà negli anni a seguire ben dieci dischi. Ma per l'instancabile sassofonista c'è spazio per tanti altri progetti (la già citata Cordoba Reunion, il duo con Luciano Biondini e quello con  il bandoneonista Daniele Di Bonaventura, il Trio G.S.M. con Peppe Servillo e Natalio Mangalavite) e collaborazioni, come quelle con  la  prestigiosa  Orchestre National du Jazz francese e con tanti protagonisti del jazz italiano, tra cui Enrico  Rava, Roberto Gatto, Gianluca  Petrella e Rita Marcotulli.