Home page

 
  Time in Jazz 2014  
  Time in Jazz 2013  
  Time in Jazz 2012  
  Time in Jazz 2011  
 
01. Il calendario
02. Il programma
03. Paolo Fresu "Terra"
04. Il Respiro della Terra - Rassegna di Cinema
05. Green Jazz
06. Bookshop e Media Partnership
07. Time Out
08. Lo spazio danza
09. Le istituzioni che sostengono Time in Jazz
10. Gli sponsor di Time in Jazz
11. I partner di Time in Jazz
12. Biglietti e abbonamenti
13. Tabloid
 
  Time in Jazz 2010  
  Time in Jazz 2009  
  Time in Jazz 2008  
  Time in Jazz 2007  
  Time in Jazz 2006  
  Time in Jazz 2005  
  Time in Jazz 2004  
  Time in Jazz 2003  
  Time in Jazz 2002  
  Time in Jazz 2001  
  Time in Jazz 2000  
  Time in Jazz 1999  
  Time in Jazz 1998  
  Time in Jazz 1997  
  Time in Jazz 1996  
  Time in Jazz 1995  
  Time in Jazz 1994  
  Time in Jazz 1993  
  Time in Jazz 1992  
  Time in Jazz 1991  
  Time in Jazz 1990  
  Time in Jazz 1989  
  Time in Jazz 1988  
 
 
 
 
   
12-08-2011, Terre di Mezzo  

 

Mercoledì 10 agosto
Berchidda, Laghetto Nunzia – ore 09.00
Luciano Biondini fisarmonica solo

Venerdì 12 agosto
Olbia, Basilica di San Simplicio – ore 11.00
Luciano Biondini & Javier Girotto “Terra Madre”

Venerdì 12 agosto
Mores, Chiesa di Santa Lucia - ore 18.00
Terre di Mezzo

Terre di Mezzo, viaggio tra le sonorità del Mediterraneo

Nel pomeriggio del 12 agosto (ore 18) Time in Jazz fa tappa Mores, nella chiesa di Santa Lucia, con il quartetto Terre di Mezzo:  un nome che evoca le influenze musicali del gruppo, ispirate ai colori etnici del Mediterraneo, ma senza mai abbandonare le radici del jazz, matrice comune a tutti i componenti del gruppo. Attiva dal 1995, la formazione trae la sua particolare identità musicale dalla fusione tra le eterogenee esperienze musicali dei suoi componenti, che spaziano dal jazz, alla musica classica, alla world music. Al sassofono Emiliano Rodriguez, che ha al suo attivo numerose esibizioni con prestigiose orchestre (Teatro alla Scala, Rai di Torino, Opera di Roma) e collaborazioni con importanti jazzisti, tra cui Gianluigi Trovesi, Paolo Fresu e Enrico Rava; alla fisarmonica Luciano Biondini, uno dei più apprezzati specialisti dello strumento a mantice sulla scena nazionale, con prestigiose collaborazioni, tra cui quelle con Rabin Abou-Kahlil, Ernst Rejseger, Enrico Rava, Javier Girotto (con cui lo vedremo in duo la mattina del 12 a Olbia) e concerti nei più importanti festival nazionali e internazionali.
La sezione ritmica vede al contrabbasso Roberto Bartoli, sul fronte del jazz dal 1975, che tra le sue numerosissime collaborazioni conta quelle con Massimo Urbani, Bob Berg, Mike Stern, David Liebman, Steve Swallow; dietro piatti e tamburi siede invece il romano Ettore Fioravanti, classe 1958, batterista di grande esperienza, attivo sia con progetti propri (come il gruppo Belcanto), sia come sideman: titolare nel quintetto “storico” di Paolo Fresu, conta collaborazioni durature anche con Roberto Ottaviano, Paolo Damiani, Piero Bassini e Gian Luigi Trovesi.
Formazione dai confini volutamente elastici, Terre di Mezzo trova nei frequenti contributi proprio di Trovesi un ideale ampliamento della propria ricerca indirizzata verso la fusione degli stili popolari con il linguaggio jazzistico.
Dal 1995 ad oggi il gruppo, oltre a due album all'attivo (“Terre di mezzo” e “Faro”) vanta la partecipazione a numerose rassegne e festival in Italia (Siena Jazz, Clusone Jazz Festival, Crossroads, I Concerti del Quirinale – RAI 3, Along Come Jazz, Rossini Opera festival, Concerti al Conservatorio di Milano, Terni Jazz, ecc.), e ha tenuto concerti in Europa e Africa riscuotendo ovunque calorosi consensi di critica e pubblico.