Home page

 
  Time in Jazz 2014  
  Time in Jazz 2013  
  Time in Jazz 2012  
  Time in Jazz 2011  
 
01. Il calendario
02. Il programma
03. Paolo Fresu "Terra"
04. Il Respiro della Terra - Rassegna di Cinema
05. Green Jazz
06. Bookshop e Media Partnership
07. Time Out
08. Lo spazio danza
09. Le istituzioni che sostengono Time in Jazz
10. Gli sponsor di Time in Jazz
11. I partner di Time in Jazz
12. Biglietti e abbonamenti
13. Tabloid
 
  Time in Jazz 2010  
  Time in Jazz 2009  
  Time in Jazz 2008  
  Time in Jazz 2007  
  Time in Jazz 2006  
  Time in Jazz 2005  
  Time in Jazz 2004  
  Time in Jazz 2003  
  Time in Jazz 2002  
  Time in Jazz 2001  
  Time in Jazz 2000  
  Time in Jazz 1999  
  Time in Jazz 1998  
  Time in Jazz 1997  
  Time in Jazz 1996  
  Time in Jazz 1995  
  Time in Jazz 1994  
  Time in Jazz 1993  
  Time in Jazz 1992  
  Time in Jazz 1991  
  Time in Jazz 1990  
  Time in Jazz 1989  
  Time in Jazz 1988  
 
 
 
 
   
13-08-2011, Joao Donato  

 

Sabato 13 agosto
Berchidda, Piazza del Popolo – ore 23.00
João Donato trio

João Donato, a Berchidda un grande della musica brasiliana

Dopo il “cuarteto flamenco” di Chano Dominguez, il pianoforte tiene banco anche nella seconda parte della serata di sabato 13: al centro dei riflettori un veterano degli ottantotto tasti, João Donato, un grande della musica brasiliana, sulle scene da oltre sessant'anni. In trio con Luiz Alves al basso e Robertinho Silva alla batteria, proporrà il repertorio di “Sambolero”, il disco con cui ha ottenuto il “Grammy” di Miglior Album di jazz latino del 2010.
Originale, eccentrica, eterodossa, essenzialmente armonica: se non c'è un termine per definire la musica di João Donato, il suo stile ha però un suono distintivo, immediatamente riconoscibile. Classe 1934, il pianista, autore e arrangiatore di Rio Branco (che compirà settantasette anni proprio pochi giorni dopo la sua apparizione a Berchidda) ha mosso i primi passi nella musica suonando la fisarmonica. Professionista già a quindici anni, è proprio con lo strumento a mantice che partecipa alla sua prima registrazione ufficiale, nel 1949, come membro della band del flautista Altamiro Carrilho. Nel 1953 inizia a guidare proprie formazioni come pianista, registrando su 78 giri versioni strumentali di standard americani e brasiliani.
Trascorre due anni a São Paulo, dove firma, nel 1956, il suo primo L.P., "Chá dançante". Quando rientra a Rio, la Bossa Nova sta esplodendo. Con uno dei principali alfieri del nuovo genere, João Gilberto (con cui farà in seguito anche un tour europeo), registra nel 1958 “Minha saudade”, il suo primo successo. Nel 1959 si trasferisce negli Stati Uniti dove vive per tre anni suonando con musicisti come Carl Tjader, Tito Puente, Mongo Santa Maria. Nel 1962 ritorna in Brasile e registra un paio di album (“Muito à vontade” e “"A bossa muito moderna de João Donato e seu Trio"), ma presto è di nuovo negli U.S.A. dove stavolta resterà per oltre dieci anni. Si esibisce con Astrud Gilberto, Tom Jobim, Eumir Deodato, Stan Kenton, Nelson Riddle, Herbie Mann, Wes Montgomery e pubblica una serie di album, tra cui quello che meglio rappresenta la sua seconda stagione americana, “A Bad Donato” (1970).
Nuovamente in Brasile nel 1972, l'anno dopo firma "Quem é quem": il disco introduce  per la prima volta delle parti vocali, cantate dallo stesso autore, inaugurando per João Donato, fino ad allora interprete esclusivamente di musica strumentale, un nuovo filone, sviluppato anche nel successivo “Lugar comum” (1975).
Passerà tuttavia una ventina d'anni prima che torni a registrare: avviene nel 1996 con “Coisas tão simples”, cui seguirà tutta una serie di pubblicazioni (soprattutto con tre case discografiche indipendenti), tra cui: “Café com pão” (1997), “Só danço samba” (1999), i tre volumi della collezione "Songbook"  (1999), “Ê Lalá Lay-Ê” (2001), “Managarroba” (2002), “O piano de João Donato” (2003), l'incontro strumentale con  Paulo Moura (“Dois panos pra manga”, 2006) e quello con Bud Shank (“Uma tarde com”).
Nel 2004 João Donato ha ricevuto dalle mani del presidente brasiliano Lula e del ministro alla cultura Gilberto Gil, la prestigiosa Medalha da Ordem do Mérito Cultural. Lo scrittore americano Allen Thayer, in uno suo testo di quattro anni fa per il magazine Wax Poetics, ha sentenziato: “João Donato merita a pieno titolo un posto tra le leggende della musica brasiliana, accanto a Antonio Carlos Jobim, João Gilberto, Dorival Caymmi, Ary Barroso e tanti altri, nonostante sia una sfida classificare il suo stile musicale”.