Home page

 
  Time in Jazz 2014  
  Time in Jazz 2013  
  Time in Jazz 2012  
  Time in Jazz 2011  
 
01. Il calendario
02. Il programma
03. Paolo Fresu "Terra"
04. Il Respiro della Terra - Rassegna di Cinema
05. Green Jazz
06. Bookshop e Media Partnership
07. Time Out
08. Lo spazio danza
09. Le istituzioni che sostengono Time in Jazz
10. Gli sponsor di Time in Jazz
11. I partner di Time in Jazz
12. Biglietti e abbonamenti
13. Tabloid
 
  Time in Jazz 2010  
  Time in Jazz 2009  
  Time in Jazz 2008  
  Time in Jazz 2007  
  Time in Jazz 2006  
  Time in Jazz 2005  
  Time in Jazz 2004  
  Time in Jazz 2003  
  Time in Jazz 2002  
  Time in Jazz 2001  
  Time in Jazz 2000  
  Time in Jazz 1999  
  Time in Jazz 1998  
  Time in Jazz 1997  
  Time in Jazz 1996  
  Time in Jazz 1995  
  Time in Jazz 1994  
  Time in Jazz 1993  
  Time in Jazz 1992  
  Time in Jazz 1991  
  Time in Jazz 1990  
  Time in Jazz 1989  
  Time in Jazz 1988  
 
 
 
 
   
14-08-2011, Rokia Traorè  

 

Domenica 14 agosto
Berchidda, Piazza del Popolo – ore 23.00
Rokia Traoré

Lunedì 15 agosto
Berchidda, Chiesa di San Michele – ore 11.00
Rokia Traoré

Rokia Traoré, la voce dal Mali fra tradizione e modernità

Rokia Traoré è un'artista che trae la propria linfa vitale dall'incontro fra tradizione e modernità. Originaria del Mali, ha viaggiato e vissuto in diverse parti del mondo, dall’America all’Europa al Medio Oriente, scoprendo ed assorbendo le differenti culture e tradizioni musicali che nella sua ricerca ha poi rielaborato e fuso insieme alla tradizione musicale della sua terra, con risultati del tutto innovativi ed originali.
Cantante professionista dal 1996, a un anno dal suo debutto, appena ventitreenne, si è aggiudicata il premio internazionale di Radio France come “Scoperta africana dell’anno”. Dopo l'album d'esordio, “Mouneïssa” (1998), nel 2000 esce “Wanita”, acclamato dalla critica come un capolavoro dell’african music. Attualmente Rokia Traorè è considerata una delle migliori artiste africane apparse sulla scena internazionale nell'ultimo decennio: nei suoi album ha continuato a svelare le sue idee musicali, accrescendo il suo pubblico in tutto il mondo e convincendo anche la frangia più conservativa della world music. Ha sempre voluto creare un nuovo stile musicale che mantenesse una forte impronta africana, ma che allo stesso tempo potesse dar vita a canzoni moderne e dal sentire contemporaneo, ispirate dalla musica jazz, pop e rock. Nella sua ricerca verso un suono “più moderno, più rock e blues”, accosta all'uso degli strumenti tradizionali, come la kora, lo n'goni e il balafon, il suono ruvido della sua chitarra Gretsch, con cui si accompagna nel canto.
"Tchamantché", uscito nel 2008, è il suo ultimo album, un nuovo progetto in cui l'artista torna alle origini della propria musica, accompagnata da strumenti tradizionali (kora e n'goni) e quattro coristi, ma senza abbandonare la ricerca di sonorità trasversali ai generi.
I suoi testi, mai banali e spesso legati a importanti temi sociali, come quello dell'emigrazione  africana verso l'Europa, sono prevalentemente in Bambara, una lingua del Mali, e solo due in francese, ma questo non impedisce alla sua musica di avere un respiro più ampio, che si nota  nel costante avvicinamento alle suggestioni blues e rock.
A Berchidda Rokia Traorè sarà protagonista del secondo set della sera di domenica 14 (ore 23.00), accompagnata sul palco di Piazza del Popolo da una formazione tutta africana, con Mamah Diabaté allo n'goni, Mamadyba Camara alla kora, Habib Sangaré al bolon, oltre alle voci di Naba Aminata Traoré, Bintou Soumbounou Kadidiatou Sangaré e Fatim Kouyaté, mentre l'indomani mattina (15 agosto, ore 11.00) si esibirà presso la chiesetta campestre di San Michele, a pochi chilometri dal paese, in occasione del consueto concerto di ferragosto, seguito dal tradizionale pranzo berchiddese.