Home page

 
  Time in Jazz 2014  
  Time in Jazz 2013  
  Time in Jazz 2012  
  Time in Jazz 2011  
 
01. Il calendario
02. Il programma
03. Paolo Fresu "Terra"
04. Il Respiro della Terra - Rassegna di Cinema
05. Green Jazz
06. Bookshop e Media Partnership
07. Time Out
08. Lo spazio danza
09. Le istituzioni che sostengono Time in Jazz
10. Gli sponsor di Time in Jazz
11. I partner di Time in Jazz
12. Biglietti e abbonamenti
13. Tabloid
 
  Time in Jazz 2010  
  Time in Jazz 2009  
  Time in Jazz 2008  
  Time in Jazz 2007  
  Time in Jazz 2006  
  Time in Jazz 2005  
  Time in Jazz 2004  
  Time in Jazz 2003  
  Time in Jazz 2002  
  Time in Jazz 2001  
  Time in Jazz 2000  
  Time in Jazz 1999  
  Time in Jazz 1998  
  Time in Jazz 1997  
  Time in Jazz 1996  
  Time in Jazz 1995  
  Time in Jazz 1994  
  Time in Jazz 1993  
  Time in Jazz 1992  
  Time in Jazz 1991  
  Time in Jazz 1990  
  Time in Jazz 1989  
  Time in Jazz 1988  
 
 
 
 
   
15-08-2011, Bojan Z Tetraband  

 

Domenica 14 agosto
Ittireddu, Chiesa di Santa Croce - ore 18.00
Bojan Z piano solo

Lunedì 15 agosto
Berchidda, Piazza del Popolo – ore 21.30
Bojan Z Tetraband


Z, il segno di Bojan

Sarà la chiesa bizantina di Santa Croce a Ittireddu a ospitare il secondo concerto per pianoforte della giornata di domenica 14: dopo la mattinata a Tula, in compagnia dell'iberico Chano Dominguez, il pomeriggio propone un altro specialista degli ottantotto tasti, Bojan Zulfikarpasic (o più comodamente Bojan Z), pianista serbo (ma francese di adozione) di grande tecnica e originalità stilistica, che sa mescolare nella sua ricca tavolozza sonora il jazz con la musica colta e i colori della tradizione balcanica.
Nato a Belgrado nel 1968, ha cominciato a studiare pianoforte da bambino, proseguendo poi con il conservatorio, e perfezionandosi con Clare Fisher negli Stati Uniti. Nel 1988 si trasferisce in Francia, dove in breve tempo si afferma nella scena jazzistica locale, cominciando a suonare con altri musicisti nel circuito dei club parigini, tra cui il chitarrista Noël Akchoté, Julien Lourau e Magic Malik. I primi riconoscimenti importanti non tardano ad arrivare: nel 1990 conquista il primo premio da solista al “Concours de la Défense” con il quartetto del contrabbassista Marc Buronfosse. L'anno dopo entra a far parte dell'Azur Quartet di Henri Texier, e poi dei gruppi guidati dal clarinettista Michel Portal: due musicisti prestigiosi che lo proiettano sulla ribalta jazzistica transalpina e non solo. Con il suo particolare linguaggio musicale – un vocabolario di jazz arricchito da dosi moderate di folk balcanico – Bojan Z lascia la sua impronta  in tutti i gruppi in cui suona.
Oltre all'attività come sideman, il pianista serbo è attivo alla testa di propri gruppi, con i quali ha inciso importanti lavori: tra questi l’album di debutto del Bojan Z Quartet, che nel 1993 suggella un fruttuoso sodalizio con l'etichetta Label Bleu, il suo progetto multietnico Koreni, che riunisce otto musicisti di origini differenti, fra cui il percussionista algerino Karim Ziad e il turco Kudsi Erguner, e Transpacifik, progetto in trio con i musicisti americani Scott Colley e Nasheet Waits. Nel corso della sua carriera riceve numerosi riconoscimenti e premi internazionali, come la nomina a cavaliere dell'Ordre des Arts et des Lettres da parte del Ministero della cultura francese, il Premio Django Reinhardt nel 2002, lo "European Jazz Prize" (Hans Koller prize) nel 2005, e il premio “Les victoires du jazz” per il miglior album del 2007 con Xenophonia, un disco striato di energia elettrica e blues, lontano dal jazz ortodosso, ma più vicino all'essenza delle origini.
Sarà invece la sua Tetraband a elettrizzare la Piazza del Popolo di Berchidda (alle 21.30) per la prima parte della serata di ferragosto, a precedere la consueta festa finale. La formazione, con il trombonista newyorkese Josh Roseman, la bassista Ruth Goller e il batterista Seb Rochford, ha registrato nel 2009 “Humus”, un album in cui Bojan Zulfikarpasic e soci danno vita a una sorta di jazz-punk-funk in cui si alternano finezze melodiche e ritmi pulsanti, armonie non accademiche ed echi balcanici, con un approccio decisamente aperto all'improvvisazione. A Berchidda il ruolo di Josh Roseman sarà ricoperto da un musicista del calibro di Gianluca Petrella, autentica stella nel firmamento del jazz nostrano: considerato uno dei migliori trombonisti jazz del mondo, come dimostra anche il suo ragguardevole palmarès (“Django d’or” nel 2001, “Critics Poll” della rivista “Down Beat” nel 2006, e “Paul Acket Award” nel 2007), Gianluca Petrella è stato già tra i protagonisti delle scorse edizioni di Time in Jazz, con la sua Cosmic Band nel 2009, e lo scorso anno al fianco di Enrico Rava in duo e con il New Quintet.