Home page

 
  Time in Jazz 2014  
  Time in Jazz 2013  
  Time in Jazz 2012  
  Time in Jazz 2011  
  Time in Jazz 2010  
  Time in Jazz 2009  
 
01. Il calendario
02. Il programma
03. Paolo Fresu: Time in Jazz 2009, “Acqua”
04. Il patrocinio dell’UNESCO
05. Cinema d’Acqua
06. Green Jazz
07. Progetti Speciali
08. in-Flussi d’acqua - laboratorio di danza
09. I Partner di Time in Jazz
10. Biglietti e abbonamenti
11. Numeri Utili
12. Tabloid
 
  Time in Jazz 2008  
  Time in Jazz 2007  
  Time in Jazz 2006  
  Time in Jazz 2005  
  Time in Jazz 2004  
  Time in Jazz 2003  
  Time in Jazz 2002  
  Time in Jazz 2001  
  Time in Jazz 2000  
  Time in Jazz 1999  
  Time in Jazz 1998  
  Time in Jazz 1997  
  Time in Jazz 1996  
  Time in Jazz 1995  
  Time in Jazz 1994  
  Time in Jazz 1993  
  Time in Jazz 1992  
  Time in Jazz 1991  
  Time in Jazz 1990  
  Time in Jazz 1989  
  Time in Jazz 1988  
 
 
 
 
   
12-08-2009, Eivind Aarset  
Mercoledì 12 agosto
Berchidda, Piazza del Popolo – Ore 21.30
Eivind Aarset Trio

Venerdì 14 agosto
Luras, Chiesa di San Nicola di Carana – Ore 18.00
Eivind Aarset & Roberto Cecchetto duo
Produzione originale Time in Jazz

Eivind Aarset è un chitarrista dalla visione musicale unica, capace di assorbire e riflettere con grande maestria tutti i modi della musica, mantenendo una cifra personale che spazia dall’intimità quieta all’intensità travolgente. Musicista tra in più ricercati sulla scena del suo paese, la Norvegia, ha suonato con Bill Laswell, Dhafer Youssef, Jon Hassell, Paolo Fresu, Brian Eno, J. Peter Schwalm, Talvin Singh, Andy Sheppard e lavora regolarmente con la band di Nils Petter Molvaer (compare in tutti i dischi del trombettista, compresi il debut album “Khmer” e “ER”, premiato nel 2006).
Le sue influenze musicali vanno dal rock degli anni Settanta al jazz classico, alla fusion. La sua passione per la chitarra nasce all’età di dodici anni, attraverso l'ascolto di Jimi Hendrix, e poi di Deep Purple, Black Sabbath, Santana e Pink Floyd, passando attraverso la musica di  Miles Davis, Mahavishnu Orchestra, Weather Report, Return to Forever e il sound ECM di Jan Garbarek e Terje Rypdal.
Dopo svariati anni di esperienze come turnista, mentre suona con la band Ab & Zu, mette a punto il suo stile personale e il sound che avrebbe più tardi sviluppato come membro del gruppo del sassofonista Bendik Hofseth. Ma è stato il suo coinvolgimento con Bugge Wesseltoft e il jazz underground di Oslo a cristallizzare il suono che stava cercando.
Il suo esordio discografico come leader è stato salutato dal New York Times come “uno dei migliori album di jazz elettrico post-Miles”, fissando un alto punto di riferimento che Aarset ha risolutamente affrontato e superato, sia nelle performance in studio sia dal vivo.
La sera del 12 agosto, il chitarrista norvegese presenta sul palco di Piazza del Popolo il progetto Sonic Codex, il più recente tra i tanti intrapresi, realizzato con Audun Erlien, bassista  originale e di vasta esperienza (ha lavorato con musicisti come Matthias Eick, Nils Petter Molvaer, Dhafer Youssef e Anja Garbarek) e il batterista/percussionista Wetle Holte, un precursore nel combinare elementi jazz con la musica elettronica (per anni membro  della band di Aarset, ma apprezzato anche in gruppi come Wibutee, Grand Telemark e accanto ad artisti come Bugge Wesseltoft, Anja Garbarek, Nils Petter Molvaer e John Scofield). Nel trio prevale la creatività, che si sviluppa con improvvisazioni che partono da un nucleo elementare sul quale si innesta man mano la struttura sonora dei brani. Dopo Berchidda, il pomeriggio del 14 (ore 18), altro impegno per Eivind Aarset, stavolta in un inedito duo di chitarre con Roberto Cecchetto, nella chiesetta di San Nicola di Carana, a Luras.