Home page

 
  Time in Jazz 2014  
  Time in Jazz 2013  
  Time in Jazz 2012  
  Time in Jazz 2011  
  Time in Jazz 2010  
  Time in Jazz 2009  
 
01. Il calendario
02. Il programma
03. Paolo Fresu: Time in Jazz 2009, “Acqua”
04. Il patrocinio dell’UNESCO
05. Cinema d’Acqua
06. Green Jazz
07. Progetti Speciali
08. in-Flussi d’acqua - laboratorio di danza
09. I Partner di Time in Jazz
10. Biglietti e abbonamenti
11. Numeri Utili
12. Tabloid
 
  Time in Jazz 2008  
  Time in Jazz 2007  
  Time in Jazz 2006  
  Time in Jazz 2005  
  Time in Jazz 2004  
  Time in Jazz 2003  
  Time in Jazz 2002  
  Time in Jazz 2001  
  Time in Jazz 2000  
  Time in Jazz 1999  
  Time in Jazz 1998  
  Time in Jazz 1997  
  Time in Jazz 1996  
  Time in Jazz 1995  
  Time in Jazz 1994  
  Time in Jazz 1993  
  Time in Jazz 1992  
  Time in Jazz 1991  
  Time in Jazz 1990  
  Time in Jazz 1989  
  Time in Jazz 1988  
 
 
 
 
   
13-08-2009, Jan Lundgren  

Martedì 11 agosto
Ozieri, Basilica di Sant’Antioco di Bisarcio – Ore 18.00
Jan Lundgren, Lars Danielsson & Coro polifonico Santa Maria degli Angeli in “Magnum Mysterium”
Riadattamento originale di Time in Jazz

Giovedì 13 agosto
Tempio Pausania, Fonti di Rinaggiu – Ore 11.00
Jan Lundgren solo

Giovedì 13 agosto
Berchidda, Piazza del Popolo – Ore 23.00
Paolo Fresu, Richard Galliano & Jan Lundgren “Mare Nostrum”

Arriva dall’algida Svezia, terra che evoca paesaggi e atmosfere in armonia col tema dell’acqua che caratterizza questa ventiduesima edizione di Time in Jazz. Suona il pianoforte da quando era piccolo; crescendo, ha scelto il jazz come campo d’azione per il suo grande talento musicale; oggi, con vent’anni di carriera, il suo nome fa parte a buon diritto di quella innovativa schiera di pianisti scandinavi che conta illustri predecessori del calibro di Jan Johansson (scomparso nel 1968) e Bobo Stenson.
Classe 1966, Jan Lundgren – che da ragazzo è stato anche una grande promessa del tennis - ha preso la prima lezione di piano a cinque anni, sfoggiando subito un talento musicale fuori dal comune. Dopo una lunga formazione classica, scopre il jazz più o meno per caso alla fine degli anni Ottanta. Assorbe rapidamente la tradizione dei grandi  pianisti: Oscar Peterson, Erroll Garner, Bud Powell, Bill Evans; e mentre studia al prestigioso Royal College of Music di Malmö, ha già un carnet fitto di impegni professionali che lo porta presto a consolidare la sua fama in Svezia. Nel 1994 esce il suo primo album, “Conclusion”; l'anno dopo forma un trio con Mattias Svensson (basso) e Rasmus Kihlberg (batteria), sostituito in seguito (nel 2000) da Dane Morten Lund, con cui registra ben sette album, accolti con successo da pubblico e critica: in particolare “Swedish Standards”, del 1997, e “Landscapes”, del 2003, diventati subito due classici per il loro legame fra jazz e folk svedese.
Mettendo sempre la sua straordinaria tecnica al servizio della musicalità, Jan Lundgren è capace di integrare le più disparate influenze: che si tratti di musica classica contemporanea, dell’inesauribile tradizione del folk nordico o del pulsante ritmo del jazz, sa guidare l’ascoltatore in un viaggio alla scoperta – ora rilassata, ora di grande energia - dei suoi personalissimi paesaggi sonori.
La sua intensa attività concertistica l’ha portato in giro per l’Europa, ma anche in Australia, in Giappone e per quindici volte negli Stati Uniti, dove ha registrato alcuni album. Il pubblico di Time in Jazz potrà apprezzarlo in tre diversi contesti: martedì 11 agosto, nella suggestiva cornice della Basilica di Sant’Antioco di Bisarcio, vicino a Ozieri (ore 18.00) presenta il progetto “Magnum Mysterium”, con Lars Danielsson e il Coro polifonico Santa Maria degli Angeli; giovedì 13, doppio impegno: la mattina (ore 11) in solo alle Fonti di Rinaggiu, presso Tempio Pausania; la sera, invece, in trio con Paolo Fresu e Richard Galliano sul palco di Piazza del Popolo a Berchidda alle prese con il repertorio di “Mare Nostrum”.