Home page

 
  Time in Jazz 2014  
  Time in Jazz 2013  
  Time in Jazz 2012  
  Time in Jazz 2011  
  Time in Jazz 2010  
  Time in Jazz 2009  
 
01. Il calendario
02. Il programma
03. Paolo Fresu: Time in Jazz 2009, “Acqua”
04. Il patrocinio dell’UNESCO
05. Cinema d’Acqua
06. Green Jazz
07. Progetti Speciali
08. in-Flussi d’acqua - laboratorio di danza
09. I Partner di Time in Jazz
10. Biglietti e abbonamenti
11. Numeri Utili
12. Tabloid
 
  Time in Jazz 2008  
  Time in Jazz 2007  
  Time in Jazz 2006  
  Time in Jazz 2005  
  Time in Jazz 2004  
  Time in Jazz 2003  
  Time in Jazz 2002  
  Time in Jazz 2001  
  Time in Jazz 2000  
  Time in Jazz 1999  
  Time in Jazz 1998  
  Time in Jazz 1997  
  Time in Jazz 1996  
  Time in Jazz 1995  
  Time in Jazz 1994  
  Time in Jazz 1993  
  Time in Jazz 1992  
  Time in Jazz 1991  
  Time in Jazz 1990  
  Time in Jazz 1989  
  Time in Jazz 1988  
 
 
 
 
   
14-08-2009, Terakaft  

Venerdì 14 agosto
Berchidda, Piazza del Popolo – Ore 21.30

Sabato 15 agosto
Berchidda, Chiesa di Santa Caterina – Ore 18.00

Terakaft è un gruppo di chitarristi Tuareg originari del Mali, vicino nello stile e nelle origini ai Tinariwen. La cosa non deve sorprendere, dato che la band è stata fondata da Kedou, uno dei membri fondatori degli stessi Tinariwen, una celebrità nel suo paese per aver preso parte alla storia della ribellione e per le sue canzoni. Terakaft, che in lingua tamashek significa “la Carovana”, è un nome che evoca le radici culturali dei musicisti, sempre presenti nel mix tra linee melodiche tradizionali e chitarre elettriche, e nei testi, da cui emergono l’orgoglio e la ribellione del popolo Tuareg, le problematiche sociali, ma anche l’amore e le piccole cose della vita quotidiana.
Kedou ha fondato i Terakaft nel 2001 col giovanissimo Sanou Ag Ahmed (chitarre, basso, voce) e Intiyeden, co-fondatori di Tinariwen, che ha iniziato a suonare la chitarra quando era giovanissimo, a Tamanghasset (il centro più importante della società dei Tuareg  algerini), dove era un rifugiato. Le sue canzoni sono spesso canzoni d’amore e le sue chitarre hanno un suono luminoso, che apporta alla band un’armonia straordinaria.
In seguito anche Diara, il saggio e taciturno chitarrista ritmico dei Tinariwen (forse il più “rock’n’roll”), si è unito al gruppo, che si è esibito la prima volta a Essakane, al Festival au Desert del 2007, e poi al Camel Fair a Tessalit, incidendo nello stesso anno (in quattro giorni, a Bamako, nei leggendari Bogolan Studios) l’album di debutto, “Bismilla, the Bamako sessions”.
I Terakaft hanno quindi intrapreso l’esplorazione del vecchio continente facendo i loro primi concerti in Europa, con un percorso che li ha condotti a suonare all’Olympia di Parigi, nel dicembre 2007, in apertura per i Tinariwen, e poi, in estate, al festival WOMAD in Inghilterra.
Nel 2008 esce il nuovo album “Akh Issudar” (“Il latte è sopravvivenza”, titolo che viene da un vecchio proverbio tuareg: “l'acqua è vita, il latte sopravvivenza”): quattordici brani dal fascino e dall’essenza differenti .
Proseguono le tournée in Europa ma Kedou, stanco, abbandona Terakaft alla fine dell’estate 2008, proprio nel momento in cui arrivano i riconoscimenti. Ricreatosi intorno a Diara, Terakaft conta oggi tre giovani musicisti nel suo organico, e  rappresenta il passaggio di potere tra le generazioni di chitarristi tuareg, con Abdallah Ag Ahmed (chitarre, basso, voce), fratello minore di Sanou Ag Ahmed, la cui calda voce affianca la band sostituendosi a quella di Kedou, e Mahamad Moha (aka Tohandy), percussionista che, nonostante la sua giovane età (24 anni), ha alle spalle una buona esperienza e una grande versatilità nell’uso di strumenti differenti.