Home page

 
  Time in Jazz 2014  
  Time in Jazz 2013  
  Time in Jazz 2012  
  Time in Jazz 2011  
  Time in Jazz 2010  
  Time in Jazz 2009  
 
01. Il calendario
02. Il programma
03. Paolo Fresu: Time in Jazz 2009, “Acqua”
04. Il patrocinio dell’UNESCO
05. Cinema d’Acqua
06. Green Jazz
07. Progetti Speciali
08. in-Flussi d’acqua - laboratorio di danza
09. I Partner di Time in Jazz
10. Biglietti e abbonamenti
11. Numeri Utili
12. Tabloid
 
  Time in Jazz 2008  
  Time in Jazz 2007  
  Time in Jazz 2006  
  Time in Jazz 2005  
  Time in Jazz 2004  
  Time in Jazz 2003  
  Time in Jazz 2002  
  Time in Jazz 2001  
  Time in Jazz 2000  
  Time in Jazz 1999  
  Time in Jazz 1998  
  Time in Jazz 1997  
  Time in Jazz 1996  
  Time in Jazz 1995  
  Time in Jazz 1994  
  Time in Jazz 1993  
  Time in Jazz 1992  
  Time in Jazz 1991  
  Time in Jazz 1990  
  Time in Jazz 1989  
  Time in Jazz 1988  
 
 
 
 
   
17-08-2009, Luca Aquino & Raffaele Casarano duo  

TIME IN SASSARI
Lunedi 17 agosto
Sassari, Piazza Santa Caterina  -  Ore 21.30

Dopo varie collaborazioni, Luca Aquino e Raffaele Casarano si incontrano per dare forma al progetto “Strike”, di scena il 17 agosto (ore 21) in piazza Santa Caterina per la prima serata di Time in Sassari. Jazz e elettronica, sonorità mediterranee e del nord Europa: l’originale e già matura voce strumentale del trombettista campano e quella del sassofonista salentino si mescolano qui con attrezzature elettroniche, loop stations, multieffetti e loop ritmici, in brani che alternano momenti di pathos a picchi di vulcanica energia.
“Ama Davis ma anche Freddie Hubbard e insegue i suoni contemporanei e metropolitani di Jon Hassell e Nils Petter Molvaer, miscelandoli sino a formare una poetica di timbro e melodia del tutto italiana”. Così Paolo Fresu a proposito di Luca Aquino, trombettista di Benevento che si è avvicinato al jazz proprio grazie agli insegnamenti dell'illustre collega sardo. Vincitore nel 2007 del secondo premio internazionale “Massimo Urbani”, Aquino si dedica allo studio dell’elettronica, aggiungendo nei suoi live e nelle sue registrazioni suoni digitali e live loop. L'anno scorso, dopo alcune partecipazioni in lavori discografici altrui, ha pubblicato il suo primo album da solista, “Sopra le Nuvole”, riscuotendo consensi in patria e all'estero e piazzandosi secondo al “Top Jazz” come miglior nuovo talento italiano. Lo scorso marzo ha pubblicato il suo secondo album, “Lunaria”, col suo quartetto e ospiti d'eccezione come il trombettista americano Roy Hargrove e la cantante Maria Pia De Vito. Musicista eclettico, parallelamente al jazz, collabora in progetti con band hard rock, hip pop e di musica macedone (con il progetto The Skopie Connection).
Ventotto anni, Raffaele Casarano inizia a studiare il sassofono da piccolo per frequentare poi il Conservatorio e diplomarsi a pieni voti nel 2004. Si è dedicato allo studio del jazz con Roberto Ottaviano, frequentando in seguito masterclass con artisti come Dave Liebman, Emiliano Rodriguez, Maurizio Giammarco. Nel settembre 2004 fonda il progetto Locomotive, che lo porterà a esibirsi in Italia e all'estero (in particolare al Sounds Jazz Club di Bruxelles). Il suo primo disco, “Legend”, esce nel Novembre 2005 e vede la partecipazione dell'Orchestra del Conservatorio “T. Schipa” di Lecce e di Paolo Fresu come ospite d’eccezione. Tra le sue collaborazioni figurano i nomi di jazzisti come Javier Girotto, Massimo Manzi, Lincoln Goines, Gianluca Petrella, ma anche di attori come Moni Ovadia  e Armando Bruno, i registi Carlo Nannicola e Carlantonio Cavazzocca Mozzanti, l’artista DILO’ e lo scrittore Livio Romano. E' direttore artistico e ideatore del Locomotive Jazz Festival nel suo paese natale, Sogliano Cavour, in provincia di Lecce.