Home page

 
  Time in Jazz 2014  
  Time in Jazz 2013  
  Time in Jazz 2012  
  Time in Jazz 2011  
  Time in Jazz 2010  
  Time in Jazz 2009  
 
01. Il calendario
02. Il programma
03. Paolo Fresu: Time in Jazz 2009, “Acqua”
04. Il patrocinio dell’UNESCO
05. Cinema d’Acqua
06. Green Jazz
07. Progetti Speciali
08. in-Flussi d’acqua - laboratorio di danza
09. I Partner di Time in Jazz
10. Biglietti e abbonamenti
11. Numeri Utili
12. Tabloid
 
  Time in Jazz 2008  
  Time in Jazz 2007  
  Time in Jazz 2006  
  Time in Jazz 2005  
  Time in Jazz 2004  
  Time in Jazz 2003  
  Time in Jazz 2002  
  Time in Jazz 2001  
  Time in Jazz 2000  
  Time in Jazz 1999  
  Time in Jazz 1998  
  Time in Jazz 1997  
  Time in Jazz 1996  
  Time in Jazz 1995  
  Time in Jazz 1994  
  Time in Jazz 1993  
  Time in Jazz 1992  
  Time in Jazz 1991  
  Time in Jazz 1990  
  Time in Jazz 1989  
  Time in Jazz 1988  
 
 
 
 
   
17-08-2009, Arielle Besson-Sylvain Rifflet Quintet "Rockingchair"  

TIME IN SASSARI
Lunedi 17 agosto
Sassari, Piazza Santa Caterina -  Ore 23.00

Airelle Besson (tromba, chiarina, violino) e Sylvain Rifflet (sassofoni, flauti, clarinetti) presentano a Time Sassari (la sera del 17 agosto) la loro prima realizzazione, "Rockingchair", risultato naturale della loro comune collaborazione in vari progetti e formazioni.
Entrambi vincitori del primo premio del jazz al Conservatorio Nazionale Superiore di Musica a Parigi nel 2002, i due hanno suonato con musicisti e gruppi come il Pandémonium di François Jeanneau, il Gros Cube di Alban Darche, l’Orchestre Nationale de Jazz, la Big Band Lumière di Laurent Cugny, il quintetto di Didier Levallet, il Sacre du Tympan di Fred Pallem. Rifflet è anche tra i fondatori di Rigolus, mentre la Besson conta esperienze con Charlie Haden e Carla Bley nella Liberation Music Orchestra e accanto a Kenny Werner, Dave Liebman, Riccardo Del Fra, Nelson Veras, Magic Malik, John Abercrombie, Rhoda Scott, Gabor Gado e Daniel Humair.
Dall’incontro con il batterista Nicolas Larmignat (trio Triade, “A Suivre”X-tet, Guillaume Hazebrouck sextet, Rigolus…), e con musicisti dalle esperienze più eterogenee come il chitarrista Julien Ome e il contrabbassista Guido Zorn (entrambi membri di Monde de Kota), scaturisce il sound creativo e ricercato del quintetto Rockingchair, risultato di scelte musicali ponderate e definite con precisione.
Il quintetto utilizza un largo ventaglio di suoni: ora molto acustico, ora rock, ora pop con effetti elettronici. La strumentazione variegata (chitarra acustica o elettrica, tromba, violino, clarinetti, sassofoni, contrabbasso e batteria) apporta ricchezza e colore alla musica, e le idee, le risorse di ogni musicista, sono inserite in una dinamica circolare.
Rockingchair è un misto tra scrittura classica e improvvisazione libera, una musica in perpetua evoluzione dove lo scambio e l’ascolto sono le chiavi del linguaggio. Il sound mescola così influenze disparate di Radiohead, Tom Waits, del gruppo AlasNoAxis di Jim Black, insieme con il jazz contemporaneo.