Home page

 
  Time in Jazz 2014  
  Time in Jazz 2013  
  Time in Jazz 2012  
  Time in Jazz 2011  
  Time in Jazz 2010  
  Time in Jazz 2009  
 
01. Il calendario
02. Il programma
03. Paolo Fresu: Time in Jazz 2009, “Acqua”
04. Il patrocinio dell’UNESCO
05. Cinema d’Acqua
06. Green Jazz
07. Progetti Speciali
08. in-Flussi d’acqua - laboratorio di danza
09. I Partner di Time in Jazz
10. Biglietti e abbonamenti
11. Numeri Utili
12. Tabloid
 
  Time in Jazz 2008  
  Time in Jazz 2007  
  Time in Jazz 2006  
  Time in Jazz 2005  
  Time in Jazz 2004  
  Time in Jazz 2003  
  Time in Jazz 2002  
  Time in Jazz 2001  
  Time in Jazz 2000  
  Time in Jazz 1999  
  Time in Jazz 1998  
  Time in Jazz 1997  
  Time in Jazz 1996  
  Time in Jazz 1995  
  Time in Jazz 1994  
  Time in Jazz 1993  
  Time in Jazz 1992  
  Time in Jazz 1991  
  Time in Jazz 1990  
  Time in Jazz 1989  
  Time in Jazz 1988  
 
 
 
 
   
18-08-2009, Gianmaria Testa & Paolo Fresu "Da questa Parte del Mare"  

 

TIME IN SASSARI
Martedi 18 agosto
Ittireddu, Chiesa di Santa Croce - Ore 11.00

Due grandi artisti per un inedito tandem musicale. Un cantautore-poeta che fa della “canzone nuda”, ridotta alle sue linee essenziali di melodia, armonia e testo, il suo vero punto di forza, e un musicista che fa “cantare” il suo strumento e che conosce bene il valore e l’importanza delle parole. Gianmaria Testa e Paolo Fresu, insieme a molte affinità, condividono un’identica passione per la musica bella. Si sono incontrati più volte nel corso degli anni: in particolare facendo parte integrante del riuscitissimo Omaggio a Léo Ferré pensato dal pianista Roberto Cipelli (e consegnato l'anno scorso anche alle tracce di un disco, “F. – A Léo”).
Ma qui, nella dimensione del duo, è in gioco una storia diversa: non più collaborazioni a progetti altrui, ma un discorso tutto loro, intimo e intenso, pieno d’atmosfera e anche di sorprese. Tromba, chitarra, voce, un po' di elettronica e il piacere di suonare assieme. Un piacere palpabile e contagioso, che dal palcoscenico sa correre veloce in sala, passando di poltrona in poltrona fino all’ultima fila. Nuovi arrangiamenti, nuove suggestioni, nuove e inedite atmosfere.
Il concerto è basato essenzialmente sulle canzoni di Gianmaria Testa, quelle passate e quelle più recenti dedicate alle migrazioni e raccolte nel concept album “Da questa parte del mare” (uscito nell'ottobre di tre anni fa): una riflessione poetica, aperta e senza demagogia sugli enormi movimenti di popoli che attraversano questi nostri anni. Sulle ragioni, dure, del partire, sulla decisione, sofferta, di attraversare deserti e mari, sul significato di parole come “terra” o “patria” e sul senso di sradicamento e di smarrimento che lo spostarsi porta sempre con sé. A qualsiasi latitudine.