Nonostante abbia suonato con i più importanti e celebri musicisti di free jazz della storia di questa musica, Don Moye è noto principalmente per il suo lavoro con il combo di avanguardia più acclamato degli anni ’70 e ’80, l’Art Ensemble of Chicago.
Don Moye ha aggiunto immediatamente una sensibilità ritmica più esplicita una volta che è entrato nel gruppo, precedentemente privo di un batterista. Il groove della band è stato notevolmente rafforzato dalla sua presenza, e lui
è stato capace di swingare in un modo tradizionale; ma è stata la sua padronanza dei vari strumenti a percussione africana e caraibica e delle relative tecniche ritmiche a distinguerlo tra tutti i batteristi jazz della sua generazione.
Ha studiato percussioni presso la Wayne State University di Detroit, dove ha lavorato con il trombettista di Charles Moore Detroit Free Jazz, che arrivò in Europa nel maggio del 1968.
Da lì, Moye ha viaggiato nel continente e l’Africa del Nord, lavorando con musicisti come Steve Lacy, Sonny Sharrock, e Pharoah Sanders. Nel 1969, l’Art Ensemble arriva a Parigi, che nei due anni precedenti aveva suonato senza un batterista e qui stesso,  presso il Centro americano per studenti e artisti, ha deciso di assumere Don Moye come  batterista a tempo pieno.
Le sue poliritmie e il suo groove hanno portato al gruppo quella unità e coesione che mancava al sound.
Insieme a Jarman e Favors, Don Moye ha iniziato a dipingersi il volto di bianco e indossare abiti tradizionali.
Negli anni ’70, ha suonato con il pianista Randy Weston e formato un duo di percussioni con altro membro AACM Steve McCall, ed è da tempo attivo in altri contesti, oltre all’Art Ensemble.
Ha suonato e registrato in una varietà di stili differenti di jazz, dal modale al bop passando -ovviamente- per il free.
Nel 1984, è diventato membro dei Leaders, un gruppi di all-stars che comprendeva Lester Bowie, Chico Freeman, Arthur Blythe, Don Cherry, e Kirk Lightsey.
Ha anche registrato dei dischi come leader, in particolare con l’etichetta AECO: nel 1975, come percussionista solista (Sun Percussion, Vol. 1); nel 1993, in qualità di co-leader del Joseph Jarman / Famoudou Don Moye Magic Triangle Band  (Calipso’s Smile); e nel 1996, come co-leader, con Enoch Williamson del Sun Percussion Summit (Afrikan Song).
fonte: Chris Kelsey, All Music Guide